Emigrazione Magazine - grafica top

Chi siamo  |  Newsletter  |  Pubblicità  |  Contatti  |  Museo Emigrazione  |  Centro Studi  |  Didattica  |  Archivio Fotografico  |  Pubblicazioni  |  Concorso Video


PUBBLICAZIONE

PER IL BENE CHE TI VOGLIO

Il romanzo di Michele Cecchini

Data: 29/4/2015

PER IL BENE CHE TI VOGLIO
Per il bene che ti voglio" è il nuovo romanzo di Michele Cecchini, il secondo per le Edizioni Erasmo (novità editoriale 2015 - pagg. 360, 16 euro).
LA STORIA
Alla fine degli anni Venti, Antonio Bevilacqua parte dalla Lucchesia deciso a intraprendere la carriera di attore nel circuito dei teatri off-Broadway di San Francisco. Qui entra in contatto con l’ambiente artistico raccolto attorno, tra gli altri, a Lawrence Ferlinghetti.
Per un periodo Antonio si trasferisce a Hollywood, dove viene scritturato in un film di Chaplin come ‘controfigura schermatica’. Sul set, in pratica, ha il compito di sostituire Chaplin nella predisposizione delle scene: su di lui i tecnici tarano le luci, impostano il piano dell’inquadratura, la distanza e l’altezza della macchina da presa, la definizione degli spazi e dei movimenti.
Sembra dunque avere trovato la sua ‘Merica’ nel ‘muvinpicce’: con questa espressione, storpiata dall’inglese ‘moving pictures’, Antonio indica il cinema.
Lui e tutti gli altri Dagos parlano, infatti, una strana lingua, l’italiese, una goffa eppure poetica commistione di italiano e inglese, che racconta il tentativo di integrarsi in una realtà tanto diversa da quella di origine. Ad esempio uno dei suoi amici, Mario Peruzzi, lavora come spalatore della ferrovia. In inglese si indica con l’espressione “sheveller of the Railroad”, che gli italiani storpiano in “sciabolatore di Re Erode”.
Nel linguaggio come nella vita Antonio Bevilacqua – nel frattempo ‘divenuto’ Tony Drinkwater – abita una terra di mezzo, quella di chi non è ancora e allo stesso tempo non è più.
L’AMBIENTAZIONE
Elegante e degradata, gelida e solare, accogliente e crudele, San Francisco esalta e sottopone a cocenti delusioni i suoi figli e i suoi figliastri: tra questi ultimi i Dagos, gli emigrati di origine italiana.
Ma c’è di più. Per come viene delineata, San Francisco è ben diversa dalla città apprezzata in tutto il mondo, nella quale c’è chi ammette di aver lasciato il cuore. Se la topografia e la toponomastica sono più o meno rispettate, non altrettanto può dirsi di certi squarci e considerazioni che rendono la rappresentazione di San Francisco molto simile a certe città di mare mediterranee più che americane.
Michele Cecchini è nato a Lucca nel 1972. Docente di materie letterarie, vive e lavora a Livorno. Nel 2014 insieme a Ettore Borzacchini ha ideato e condotto il quindicinale radiofonico Aperte Virgolette - dal 2015 Saccadé - in onda sull'emittente QuiRadio. Per la casa editrice Erasmo ha pubblicato nel 2010 Dall'aprile a shantih. Per il bene che ti voglio è il suo secondo romanzo.

Torna alla pagina precedente


Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" - Centro di Ricerca sull'Emigrazione Italiana
Palazzo del Podestà - 06023 - Gualdo Tadino - Perugia - Italia

Amministrazione