Emigrazione Magazine - grafica top

Chi siamo  |  Newsletter  |  Pubblicità  |  Contatti  |  Museo Emigrazione  |  Centro Studi  |  Didattica  |  Archivio Fotografico  |  Pubblicazioni  |  Concorso Video


LE PUBBLICAZIONI DEL MUSEO DELL'EMIGRAZIONE

PER TERRE ASSAI LONTANE

Dalla storia delle migrazioni ad una nuova idea di cittadinanza

Data: 8/3/2018

Emigrazione ed immigrazione. Dal fenomeno migratorio alle società multietniche, il significato della multiculturalità: semplice compresenza, pari dignità delle culture e mantenimento delle identità etniche, o vero e proprio percorso d’integrazione finalizzato all’interculturalità. Il titolo vuole essere emblematico. La lontananza è innanzi tutto una convenzione soggettiva, una rappresentazione dello spazio elaborata non tanto con la freddezza del chilometro o del miglio quanto con la precarietà delle aspettative, con la speranza che alimenta i progetti di vita. Anche le destinazioni, le terre, si sottomettono a questa legge. E nel titolo assumono un senso biunivoco. La citazione rimanda ad uno stereotipo popolare dell’emigrazione transoceanica, incarnato in un genere musicale di recente definito da Emilio Franzina «dei compianti italici sull’emigrazione»; ma può essere letta, spostando il punto di vista e la cronologia, come produzione immaginifica che sostiene le aspirazioni delle migliaia di potenziali immigrati in viaggio a cavallo fra i due secoli verso il Vecchio continente. Fin dagli inizi degli anni novanta del Novecento, sotto la pressione esercitata dal carattere emergenziale del fenomeno immigratorio, in Italia la società discuteva di pluralismo culturale in termini di “controllo” dell’invasione; nei processi di comunicazione sociale tale impostazione era destinata a trovare fortuna, tuttalpiù debordando il dibattito verso i problemi della così detta accoglienza. Seguiva a metà dello stesso decennio una seconda, timida, fase in cui la riflessione andò spostandosi verso l’elaborazione di strategie possibili per giungere ad un pluralismo in senso proprio. In questo contesto parola chiave divenne multiculturalità e attorno ad essa si innestò la questione se ciò avesse significato semplicemente compresenza, pari dignità delle culture e mantenimento delle identità etniche, oppure si prospettasse in vario modo e in diverse misure un percorso d’integrazione.
Per informazioni contattare il numero 075/9142445 oppure scrivere a info@emigrazione.it

Torna alla pagina precedente


Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" - Centro di Ricerca sull'Emigrazione Italiana
Palazzo del Podestà - 06023 - Gualdo Tadino - Perugia - Italia

Amministrazione