Emigrazione Magazine - grafica top

Chi siamo  |  Newsletter  |  Pubblicità  |  Contatti  |  Museo Emigrazione  |  Centro Studi  |  Didattica  |  Archivio Fotografico  |  Pubblicazioni  |  Concorso Video


GIACOMO MARINELLI

NEL SEGNO DEI PADRI

Sottotitolo

MARSILIO NEL SEGNO DEI PADRI

Guglielmina Roncigli è la figlia di Vittorio, uno dei quaranta civili fucilati nella rappresaglia che la Wehrmacht mise in atto a Gubbio, il 22 giugno 1944, dopo l’uccisione di un ufficiale medico tedesco, Kurt Staudacher, da parte di un gruppo di giovani armati dal gap locale.
Le polemiche, nella comunità, sulle responsabilità dell’eccidio – il fatto di sangue più grave in tutta l’Umbria nel periodo dell’occupazione – sono durate decenni. Peter Staudacher è figlio di Kurt. Guglielmina e Peter si incontrano – per caso, ma verrebbe da pensare: per destino – quasi settant’anni dopo. Si riconoscono. Si parlano. Si scrivono, a lungo. Né le colpe, né i meriti dei padri ricadono sui figli: ma Peter e Guglielmina capiscono che l’incontro, per quanto fortuito, ha lasciato in dono una responsabilità: la responsabilità di raccontare, di capire, di comprendere, di perdonare, di riconciliare. La loro storia può sembrare piccola e periferica, ma contiene in sé un messaggio universale. Ovunque un conflitto lascia ferite e macerie; e oggi più che mai c’è bisogno di un esempio come quello di Peter e Guglielmina, che hanno avuto la forza, la tenacia, la capacità di guardare oltre il muro. Le tracce del loro percorso dovrebbero guidarci nelle infinite incertezze del nostro presente.



Torna alla pagina precedente


Museo Regionale dell'Emigrazione "Pietro Conti" - Centro di Ricerca sull'Emigrazione Italiana
Palazzo del Podestà - 06023 - Gualdo Tadino - Perugia - Italia

Amministrazione